Joan Brossa

Lon­tano da qual­si­asi schema, il mix di poe­sia e visual art del mae­stro cata­lano Joan Brossa con­fonde i con­fini tra irriv­erenza e sper­i­men­tazione. Brossa nasce nel 1919 a Bar­cel­lona, dove muore nel 1998.
E’ ritenuto il mas­simo espo­nente della poe­sia visiva e un asso­luto pio­niere di questo genere in Spagna, van­tando oltre 350 opere a suo carico. Il poeta Joan Brossa esplora le avan­guardie in bil­ico tra Dadaismo, Futur­ismo e Sur­re­al­ismo, per poi pro­porre un esem­pio unico di indagine visiva, spaziando dalla prosa, al teatro, fino ad arrivare all’arte del design e delle perfomances

Joan Brossa • Biografia artista e Vendita opere • LOOKLATERAL - Joan Brossa artist

Joan Brossa, ritratto

Joan Brossa • Biografia artista e Vendita opere • LOOKLATERAL - Bàrcino, Joan Brossa

Joan Brossa, Bàr­cino

Col­lab­ora con artisti del cal­i­bro di Joan Miró e Antoni Tàpies. La sua prima ret­ro­spet­tiva è del 1986 alla Fun­dació Joan Miró e, dopo il Museo Nacional Cen­tro de Arte Reina Sofia di Madrid, la sua opera fa il giro del mondo da Lon­dra a Chicago a New York all’Europa tutta, fino alle Bien­nali di São Paulo e di Venezia.Joan Brossa si con­sacra come uno degli artisti spag­noli più inno­v­a­tivi del ‘900. La sua ered­ità, oltre 60.000 pezzi, è con­ser­vata al MACBA di Barcellona.

Brossa crea un codice visivo, un dial­ogo tra poe­sia cata­lana, unica lin­gua nel quale il poeta sceglie di esprimersi, e arte visual, fatto d’immagini hip­nagòguiques. L’esordio di Joan Brossa nella dimen­sione plas­tica vera e pro­pria, è un objet trouvé datato 1943.

Nel 1953 il poeta con­cepisce il suo primo poema-oggetto, e tre anni dopo real­izza la prima instal­lazione.
Negli anni Quar­anta fonda la riv­ista ‘Dau al set’, let­teral­mente “la set­tima fac­cia del dado” a indi­care la matrice irriv­er­ente e satir­ica, un man­i­festo che dichiara la rot­tura con la dimen­sione estet­ica prece­dente imbrigli­ata dal rigido accad­emismo franchista.

È comunque negli anni Ses­santa che la sper­i­men­tazione di Brossa nella poe­sia visiva e nella poe­sia ogget­tuale rag­giunge la pienezza sia in numero, sia in profondità.

È del 1960 il poema oggetto Cer­illa, Fiammif­ero, prob­a­bil­mente la prima opera euro­pea d’arte con­cettuale, e del 1965 il libro d’artista Novel·la, cre­ato in col­lab­o­razione con Antoni Tàpies, ritenuto un cap­ola­voro di questo genere.

Nel 1984 la poe­sia di Brossa rag­giunge gli spazi pub­blici con il mon­u­men­tale Poema visuale tran­sitabile in tre parti del Parc del Laberint d’Horta di Bar­cel­lona, un nuovo con­cetto di codice artis­tico che il poeta non abban­dona più.

Una delle opere più famose tra i suoi poemi urbani è A sdra­iata con pesce, che si trova a Mol­let del Val­lès, nelle vic­i­nanze di Barcellona.

Dopo la morte di Joan Brossa, una nuova anto­log­ica alla Fun­dació Joan Miró di Bar­cel­lona nel 2001 col­loca il poeta tra i più impor­tanti nomi della creazione artis­tica della sec­onda metà del ven­tes­imo secolo.

Gal­le­ria di rifer­i­mento: Poligrafa Bar­cel­lona

Collezioni: Fun­da­cio Joan Brossa, Museo di Arte Con­tem­po­ranea di Bar­cel­lona MACBA, Fun­dació Joan Mirò

Opere in vendita