Caroline Achaintre

Car­o­line Achain­tre nasce nel 1969 a Toulouse, Fran­cia, si forma in Gema­nia e attual­mente vive e lavora a Lon­dra. Le sue opere sono già pre­senti in collezioni pub­bliche e pri­vate inter­nazion­ali, tra cui quella di Saatchi

Car­o­line Achain­tre fa prat­ica presso un fab­bro prima di trasferirsi a Lon­dra per stu­di­are al Chelsea School of Art & Design e al Gold­smiths Col­lege. I suoi lavori unis­cono la man­u­al­ità ruvida di mate­ri­ali tat­tili come la lana e la ceram­ica con la pit­toric­ità delle for­mal­iz­zazioni visive che richia­mano senza esi­tazione l’Espressionismo tedesco, la scul­tura inglese del dopoguerra e una certa dose di Prim­i­tivismo del primo Nove­cento unito a un immag­i­nario di cul­tura trib­ale. Ciò che le inter­essa sono i punti di con­tatto tra antico e mod­erno, psi­co­logico e fisico, esotico e tec­no­logico: le sue maschere di lana tra­pun­tata a mano rap­p­re­sen­tano un con­nu­bio schizofreni­ca­mente ben rius­cito di tutte queste com­po­nenti. L’impiego del tes­suto organ­ico gen­era una rem­i­nis­cenza prim­i­tiva, ma allo stesso tempo, ricon­duce alle pratiche di lavo­razione tec­no­log­ica dell’era post-industriale. L’elemento della maschera, spesso pre­sente nel suo lavoro, rap­p­re­senta la duplic­ità: che sia espres­sione di scia­manes­imo, teatro o carnevale, essa con­voglia in sé l’elemento reale e quello fan­tas­tico simul­tane­a­mente.
Car­o­line Achain­tre ha parte­ci­pato a diverse col­let­tive, tra cui nel 2013 “New Art From Britain”, presso il MOCCA / Museum of Con­tem­po­rary Cana­dian Art, Toronto e nel 2012 “The Lon­don Open”, presso la Whitechapel Gallery, Lon­dra. Nel 2014 avrà una per­son­ale alla Tate Britain come parte del “Tate BP Con­tem­po­rary Projects” e sarà artists in res­i­dence presso il Cam­den Arts Cen­tre di Lon­dra. E’ stata inoltre vincitrice insieme a Fatma Bucack del Present/Future Illy Prize nell’edizione 2013 di Artis­sima a Torino, che le varrà una mostra al Castello di Riv­oli per il 2014.

Opere in vendita