Alfredo Pirri

Nasce nel 1957 a Cosenza dove fre­quenta l’Accademia di Belle Arti diplo­man­dosi in pit­tura. La sua attiv­ità espos­i­tiva è intensa sia in Italia che all’estero. Degne di nota sono la sua parte­ci­pazione alla Bien­nale di Venezia (“Aperto” nel 1988 e nella sezione “Viag­gio verso Cit­era” nel 1993), alle mostre orga­niz­zate presso il Wal­ter Gropius Bau di Berlino (“Kor­re­spon­den­zen”, nel 1992) e il PS1 di New York (“Min­i­malia”, nel 1999) e alla Bien­nale d’Arte Con­tem­po­ranea dell’Havana nel 2001. Ha inseg­nato presso la Beza­lel Acad­emy di Gerusalemme e l’Accademia di Belle Arti di Lione.
L’artista real­izza una serie di opere site-specific che resti­tu­is­cono all’arte il val­ore iden­ti­tario di una creazione estet­ica che traval­ica i con­fini dell’oggetto-arte per con­fondersi con e nel reale. Cele­bre è l’installazione “Lo spec­chio infranto”, allestita nel 2012 presso la Gal­le­ria Nazionale d’Arte Mod­erna di Roma e cos­ti­tuita da un pavi­mento uni­forme di spec­chi fran­tu­mati che riflette la strut­tura architet­ton­ica otto­cen­tesca del museo e le statue che la ador­nano.
Alfredo Pirri ha dichiarato: “l’arte è il motore di cam­bi­a­mento della realtà: sono per un’arte che da una parte evap­ora dalle cose e dall’altra riprecipita sulla terra come una fonte bat­tes­i­male”.
L’artista vive e lavora a Roma.

Opere in vendita